Gordes: tra cielo e pietre

30.5.2018

 

 

Gordes rappresenta una tappa obbligatoria nella scoperta del Luberon…….quella Provenza ancora autentica in cui i villaggi sembrano immortalati nel passato e in cui i paesaggi lasciano attoniti….soprattutto nel periodo di fioritura della lavanda. 

 

Ma perché proprio Gordes ??

 

 

 

L’abbazia di Senanque é senza dubbio luogo cult della promozione di Gordes, monastero tutt’oggi abitato dai monaci dell’ordine circestense, che è oramai sosta ambita dai turisti….

 

Lavanda in fiore o no..........OVVIO L'EFFETTO NON E' LO STESSO……

la visita è accompagnata da un frate e dal suo mazzo di chiavistelli con i quali apre…. una dopo l’altra.... le sale da visitare, la chiesa e la sua cripta. Un percorso intercalato da storia, usi e costumi di coloro che mantengono in vita questo luogo di culto!

 

Un’atmosfera unica, silenziosa e impregnata di spiritualità alle quale è difficile restare indifferenti !!

 

 

 

Conoscete il villaggio di Bories ??

 

Un insieme di costruzioni in pietra secca, dalla struttura neolitica, ma che è stato abitato sino al XVIIIesimo secolo. Inutilizzate e abbonate, nel 1956 vengono riscoperte da un poeta errante installatosi a Gordes, che ne diventa proprietario e inizia una monumentale opera di ristrutturazione.

 

Oggi classificato Monumento storico di Francia,  il villaggio é aperto al pubblico….una visita inaspettata e affascinante tra le abitazioni del passato.

 

 

 

Ovviamente anche il villaggio di Gordes non puo’ che affascinare …… annoverato tra i PIU' BEI VILLAGGI DI FRANCIA, la sua nascita risale al quinto secolo d.C, quando le popolazioni si rifugiarono sulle cime dei monti della Vaucluse per proteggersi dalle invasione barbariche.

 

Inevitabile soffermarsi alle bancarelle del mercato provenzale con le loro spezie colorate e i profumi delle erbe proprio sotto il castello, nato come fortezza medioevale e poi trasformato in imponente palazzo rinascimentale, e oggi spazio culturale consacrato a mostre e esposizioni.

 

 

 

L’accesso al villaggio è possibile dalle ‘calades’……. viuzze tutte in salita con le pietre incastonate a spigolo in modo tale da agevolare il percorso agli asini, unico mezzo di trasporto ai tempi per portare le diversi merci al villaggio .  E la vista da qui……..MOZZAFIATO !!!!    

 

I davanzali fioriti, la panchina in disuso ….E LA FOTO E' D'OBBLIGO....  la fontana in pietra e il bougainvillier violaceo sui muri ci catapultano in un’altra epoca……come se il tempo si fosse fermato !!!

 

 

 

Ma esiste anche una Gordes misteriosa e nascosta: un universo sotterraneo scavato nella roccia, sotto lo stesso villaggio dove nel corso della storia si svilupparono attività come l’artigianato e l’industria.


7 piani e 20 metri di dislivello

                    ….non bisogna soffrire di Claustrofobia per visitarle !!!

 

Questo mondo misterioso costituito da cave collegate tra loro da scale e corridoi era divenuto il fulcro della produzione artigianale…..mulini a olio, cisterne, forni a pane sono ancora presenti e visibili durante la visita.
 

Nel vostro tour del Luberon non avete inserito il villaggio di Gordes???

E’ d’obbligo visitarlo !!!

 

 

 

Share on Facebook
Please reload

February 5, 2018

September 26, 2017

Please reload

Post recenti
Please reload

Archivi

Contattaci: tel. 0549.908202 - info@itinerariviaggi.sm

Itinerari srl - Via Consiglio dei Sessanta 27/A - 47891 Dogana RSM.

Codice operatore economico 07997